Distillerie Poli: quando la storia di una famiglia diventa una realtà imprenditoriale


Domenica 27 novembre, in occasione di Open Factory, ho avuto la piacevole opportunità di poter visitare le Distillerie Poli a Schiavon (in provincia di Vicenza).

Conoscevo da tempo la Grappa Poli, tuttavia non avevo mai avuto l’occasione di poter visitare la distilleria.


La storia della distilleria è fortemente legata alle vicende della famiglia Poli stessa, ad oggi tutt’ora coinvolta direttamente nella gestione, nella ricerca e nella produzione.

La visita si è snodata attraverso le diverse fasi produttive, dalla distillazione, all’invecchiamento, all’imbottigliamento. Le descrizioni tecniche sono state intervallate da interessanti aneddoti sulla famiglia Poli. Dai racconti è emersa la profonda passione di tutta la famiglia per il mondo della distillazione artigianale, caratterizzata dal rispetto dei tempi e delle fasi della tradizione, che assicurano l’eccellente qualità della grappa.

2016-11-27_018
2016-11-27_027
2016-11-27_033

Al termine del tour tra alambicchi, enormi cisterne per l’invecchiamento, tunnel e cantine colmi di botti in legno, abbiamo potuto degustare l’aperitivo della famiglia Poli: l’Airone Rosso!

2016-11-27_037
2016-11-27_038

Vi ho incuriositi? Nel caso in cui vogliate visitare la distilleria, è possibile farlo sia durante la settimana, sia durante il weekend, prenotandola anticipatamente.

Distillerie Poli
Via Marconi, 46 – Schiavon (Vicenza)
tel: 0444 66 50 07
@: info@poligrappa.com
web: http://www.poligrappa.com/ita/
Facebook: Pagina Ufficiale Poli Grappa
Instagram: Poli Grappa

Annunci

Europiadi all’insegna del gusto!


Durante il prossimo weekend, i comuni di Marostica e Breganze (nella provincia di Vicenza) saranno protagonisti di un importante evento podistico a livello Europeo: le Europiadi, che si svolgeranno da giovedì 19 a domenica 22 giugno.

L’evento però non ha solo un risvolto sportivo, ma è anche un’occasione per scoprire e conoscere le colline della Pedemontana Veneta, dove nascono tante delizie di questo territorio, come ad esempio la ciliegia di Marostica Igp e il Vespaiolo di Breganze Doc.

Collegatevi al sito www.europiade2014.org per consultare il programma della manifestazione! Buon divertimento!

Immagine

VinNatur: vini naturali in degustazione a Vicenza


 “Il succo della terra”. Questo è il titolo dell’undicesima edizione di VinNatur, la manifestazione dedicata alla scoperta dei vini naturali.

In programma da sabato 5 a lunedì 7 aprile 2014 nello splendido scenario di Villa Favorita a Sarego, in provincia di Vicenza, VinNatur è la più importante manifestazione di vini naturali in Europa. Essa riunisce viticoltori europei che hanno l’obiettivo di condividere le tecniche e le esperienze per produrre vino in maniera naturale, sia in vigna che in cantina, e di divulgare la cultura del “terroir”. Ogni visitatore potrà incontrare e conoscere i produttori stessi, nonché acquistare direttamente dagli stessi il vino in degustazione.

La mostra sarà aperta ai visitatori sabato 5 e domenica 6 aprile, dalle 10 alle 18, mentre lunedì 7 aprile dalle 11 alle 18. Il costo del biglietto giornaliero è di 20€, comprensivi di guida della manifestazione e bicchiere da degustazione.

Per maggiori informazioni, visitate il sito ufficiale della manifestazione!

Vinnatur2014_Favorita_small-424x600

La cuisine de Julie


Qualche giorno fa, a pranzo, una mia collega mi ha parlato di Julie. Julie è una simpatica signora francese che vive in Italia, precisamente a Bassano del Grappa (la famosa cittadina in provincia di Vicenza) da 7 anni. Ha deciso di fare della sua passione un lavoro, creando un’associazione culturale che organizza corsi di cucina: la Cuisine de Julie, appunto.

Incuriosita, ho cercato subito la sua pagina Facebook e il suo blog (poteva non averli?!!) e sono rimasta affascinata da questa bellissima iniziativa. Julie organizza corsi di gruppo per imparare a cucinare piatti tipici francesi o internazionali (che lei scopre nei suoi viaggi) oppure offre la sua esperienza come Personal Chef a domicilio.

Vi lascio con un paio di foto prese dal suo blog e dalla sua pagina Facebook, per farvi venire un po’ di curiosità!


Corso di avvicinamento al vino a Sandrigo


Per chi è appassionato di vini e vorrebbe imparare a conoscerli meglio, il Comune di Sandrigo (in provincia di Vicenza) organizza un corso di avvicinamento al vino, che si terrà presso Palazzo Mocenigo ogni martedì sera dalle 20.30 a partire dal 18 febbraio 2014 per una durata di 8 incontri.
Il costo è di soli 60 euro. Non lasciatevi sfuggire questa occasione!

20140204-094055.jpg

Prima del Torcolato di Breganze sotto la pioggia!


Il meteo non è stato clemente con la 19esima edizione della Prima del torcolato, la prima spremitura del vino passito DOC di Breganze. Nonostante ciò, la pioggia però non ha impedito a centinaia di persone di recarsi a visitare le cantine della piccola cittadina in provincia di Vicenza e degustarne il dolce vino.

Ecco alcune foto dalla manifestazione!



Luigi Zolin Cibo: atmosfera d’altri tempi


Qualche settimana fa, per festeggiare l’ultimo giorno di lavoro prima delle vacanze di Natale con i colleghi, ci siamo recati in un piccolo ristorantino nel centro storico di Sandrigo, in provincia di Vicenza. 

Luigi Zolin Cibo (questo il nome della piccola trattoria) non è certamente facile da individuare: l’insegna posizionata fuori dal locale è infatti ancora quella del negozio di ferramenta storico preesistente. Sbirciando attraverso la porta o le vetrine, inoltre, si nota inizialmente il grande tavolo in legno, sul quale sono posizionati prodotti alimentari artigianali, come in una vecchia bottega di alimentari. Solo gli osservatori più attenti riusciranno a notare che si tratta anche di un locale in cui consumare del cibo e non solo acquistarlo!

Foto tratta dal sito web del locale

Ma procediamo con ordine. Difficile definire chi è Luigi Zolin: per farvi un’idea, andate a visitare il suo sito ufficiale, dove trovate un riassunto dei campi un cui fa spaziare la propria creatività, dalla moda al cibo.

Come anticipato, entrando nel locale non si può fare a meno di notare come esso voglia essere, al tempo stesso, un piccolo bistrot e un negozio di prodotti alimentari artigianali, molto simile ad una vecchia bottega degli anni ’50. Lo stile è semplice, anche se si percepisce immediatamente la cura quasi maniacale dei dettagli, studiati per trasmettere a chi entra un caldo senso di accoglienza ed ospitalità.

La cucina a vista si affaccia sulla prima delle due sale, dove appunto è situato un grande tavolo colmo di rare delikatessen, un grande tavolo da pranzo per circa 12 persone e qualche piccolo tavolino. Nella seconda sala, invece, vi sono 4 tavoli di diverse dimensioni per ospitare un’altra ventina di persone. Considerate le dimensioni del locale, è consigliatissima la prenotazione.

I tavoli in legno grezzo vengono ingentiliti da centrotavola di fiori freschi; le tovaglie in tessuto vengono sostituite da tovagliette di carta. Il pane è di produzione propria e viene servito in piccole pagnottine ancora calde, all’olio, alle noci o alle olive.

Per ciascun commensale vi è inoltre un piccolo vassoio con sale&pepe e monoporzioni di olio d’oliva ed aceto balsamico di Modena.

Al nostro arrivo ci viene servito un antipastino di gamberi accompagnati da una deliziosa salsa. Successivamente ordiniamo una porzione di spaghetti ai frutti di mare.

L’unico neo sono i tempi di attesa: purtroppo non siamo riusciti a prendere il caffè (che solitamente viene servito direttamente dalla moka): il locale era al completo e i tempi di rientro in ufficio non ci hanno permesso di fermarci ulteriormente. Essendoci stata una sola volta, non posso determinare se la lentezza del servizio fosse dovuta all’affollamento del ristorante piuttosto che invece si tratti a tutti gli effetti di una caratteristica del locale. Anche se la motivazione fosse quest’ultima, resta comunque un bel posto in cui lasciarsi trasportare dall’atmosfera retrò, senza fretta, di un pranzo o una cena o, perché no, anche all’ora del thé.

Luigi Zolin Cibo
Via Roma, 14 – Sandrigo (Vicenza)
tel: 0444 75 05 42
@: cibo@luigizolin.it
web: www.luigizolin.it/it/home-cibo-it

Presentazione Ristoranti Che Passione edizione 2014


Lunedì scorso, 2 dicembre 2013, presso il ristorante La Montanella di Arquà Petrarca si è tenuto il Galà Ristoranti Che Passione, una serata per premiare i migliori ristoranti del network nel 2013, votati dai soci del network.

1479469_10151819369888857_961196794_n

A chi ancora non conoscesse questa iniziativa, consiglio di dare un’occhiata ai miei vecchi post oppure di visitare il sito web ufficialeRistoranti Che Passione è un rivoluzionario progetto enogastronomico che consente di cenare presso il network di ristoranti associati usufruendo di uno sconto.

L’edizione 2014, che verrà presentata sabato 7 dicembre alle 16.30 presso l’Azienda Agricola Grandi Natalina di Gambellara, vedrà un’importante innovazione tecnologica. Grazie alla partnership con MiSiedo, sarà infatti possibile prenotare un tavolo presso il ristorante prescelto tramite il sito o dall’app. Durante la presentazione, sarà inoltre possibile assaggiare tutti i vini premiati!

Vi lascio con un paio di foto del Galà, tratte dalla pagina Facebook di Ristoranti che Passione, giusto per farvi venire un po’ di curiosità…

575414_10151819418803857_15000276_n 1463349_10151819353278857_2055292661_n

Birra e cupcakes? Che strano abbinamento!


Che c’azzecca la birra con i cupcakes? E una compagnia teatrale con un pub?
Apparentemente nulla, ma bisognerà ricredersi! Stasera, mercoledì 13 novembre, a partire dalle ore 22 presso la birreria Drunken Duck di Quinto Vicentino (che, se non si è capito, è in provincia di Vicenza…), sarà possibile testare questo insolito connubio!

Tre birre artigianali del Birrificio del Ducato (Winterlude, Verdi Imperial Stout e Luna Rossa) saranno abbinate a tre cupcake prodotte direttamente dalle abili manine delle amiche di blog Lucia e Valentina (ve le ricordate? Quelle di Cream&Shout)! La serata sarà inoltre animata dal gruppo teatrale “I figli di Ogino Knaus”.

La serata è ad ingresso libero, mentre la degustazione è su prenotazione al costo di 12 euro a persona. Per maggiori informazioni, contattate il numero 347 47 12 738 oppure visitate la pagina Facebook dell’evento.

Ecco un paio di foto dei cupcakes di Cream&Shout, giusto per rinfrescarvi la memoria

IMG_4661[1] IMG_4650[1]

MagicOrto: amore per la famiglia, la campagna, la buona tavola!


Il ristorante di cui vi parlo oggi è un luogo a cui sono particolarmente affezionata. Con i miei amici, l’abbiamo scoperto qualche anno fa, quasi per caso. Da quella volta siamo diventati clienti fissi e ci torniamo almeno un paio di volte all’anno.

Sto parlando dell’Agriturismo MagicOrto, dal nome singolare che vuole proprio evocare la magia che si crea quando si entra a diretto contatto con i frutti della terra. Ed è proprio questa la filosofia del locale: riscoprire le radici ed il contatto con la natura per poterne assaporare il sapore più autentico.
Questo posto magico si trova a Cassola, in provincia di Vicenza, poco lontano da Bassano del Grappa. Sufficientemente facile da raggiungere (è poco lontano dall’uscita della strada statale 47, che porta a Trento), ma altrettanto isolato dalla confusione e dal traffico: una piccola isola felice, dove dimenticare la vita frenetica ed abbandonarsi ai ritmi della campagna.

L’Agriturismo MagicOrto è totalmente a conduzione familiare. Entrando, verrete accolti dalla signora Elena, che vi accompagnerà al tavolo e vi elencherà i piatti disponibili a menu, sempre diversi e legati alla stagionalità dei prodotti della terra. La cucina è invece seguita dal marito Lorenzo, che combina piatti della tradizione locale con sorprendenti excursus nella cucina anglosassone. Il servizio al tavolo è curato dai loro figli Giacomo e Camilla.

Dall’arredamento della sala ristorante traspare la storia della famiglia: prima di dedicarsi all’azienda agricola, i coniugi hanno passato molti anni della propria vita a viaggiare. Da qui cartine, arazzi ed oggetti vari, esposti a testimoniare l’amore della famiglia per la scoperta di luoghi e sapori nuovi.

316939_135841793245021_1294397791_n

Immagine tratta dalla pagina ufficiale di Facebook

Quando si va al MagicOrto, non si può (e non si deve) fare a meno di ordinare il tagliere misto di antipasti, composto da un’abbondante scelta di stuzzichini (che, se non stessimo parlando di un agriturismo, si potrebbero definire finger-food) e di salumi prodotti dall’azienda stessa, con pane casereccio.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

2010.11.06_008

I primi cambiano a seconda della stagione. Uno dei miei preferiti è l’aspara-polenta (anche se inizialmente avevo capito “la spara-polenta”, immaginando una specie di pistola ad acqua riempita di polenta…): una lasagna composta da asparagi, crespelle e polenta!

2011.05.07_017

I secondi sono anch’essi molto vari: l’ultima volta che sono stata lì ho assaggiato delle squisite costolette di maiale cucinate nella birra nera irlandese, con polenta, la cui bontà era indescrivibile…

Vi lascio con una carrellata di dolci da leccarsi i baffi. Inutile dire che anche questi sono di produzione propria… Chiedete a Giacomo, saprà ben consigliarvi!

semifreddo limone e menta

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

gelato ricoperto al cioccolato

2010.11.06_023

toast dolce con crema pasticcera e panna montata servita in una ciotolina di cioccolato

2010.11.06_024

crema catalana

2011.05.07_026

semifreddo ai fiori di sambuco

2011.05.07_027

gelato alla violetta

2013.03.23_004

semifreddo miele e mirtilli

2013.10.19_001_a

2013.10.19_002

fagottino di pasta frolla con le mele

2013.10.19_005

Il ristorante è aperto da ottobre a maggio, mentre durante l’estate rimane chiuso proprio per permettere di gestire al meglio l’azienda agricola nel periodo più impegnativo dell’anno.

Agriturismo MagicOrto
Via don Bressan, 46 – Cassola (VI)
tel: 0424 57 08 57
@: ilmagicorto@tiscali.it
web: www.ilmagicorto.com
Facebook: Pagina Facebook MagicOrto