Una granita a colazione…


Granita a colazione? Se me ne avessero parlato un anno fa, avrei risposto che mai e poi mai avrei mangiato qualcosa di freddo per iniziare la giornata! E invece mi sono dovuta ricredere!

2012.08.13_0049

In Sicilia, la granita è un’istituzione. Non si trova un bar o un chioschetto dove non si possa assaggiare questa fresca delizia! Assieme ai cannoli e alla cassata, la granita è una delle specialità che subito fa pensare alla Sicilia! Viene prodotta semplicemente con acqua e zucchero, ai quali vengono aggiunti ingredienti naturali come mandorle, limone, pistacchio o mandarino, solo per fare qualche esempio. La cremolata, che non tutti conoscono, è una variante della granita, ottenuta aggiungendo frutta fresca di stagione (pesche, fragole, gelso nero…). Il nome deriva dalla consistenza, appunto, più cremosa.

2012.08.14_0603

E’ stato durante le ultime vacanze estive, trascorse appunto in Sicilia, che ho potuto assaggiare la vera granita siciliana. Devo dire che, rispetto a ciò che si è abituati a chiamare “granita” al nord (o perlomeno nella mia zona), l’originale siciliana è tutt’altra cosa: meno fredda e ghiacciata, ma più cremosa e fresca! Per questo motivo, viene spesso proposta anche a colazione, specie nella versione al caffè.

Nei diversi giretti che ho fatto, la più buona granita – a mio insindacabile giudizio personale – l’ho assaggiata al Caffè al Ciclope 2 di Marzamemi. Dal giorno in cui l’ho scoperta fino alla fine della vacanza, non potevo iniziare la giornata se prima non mi ero concessa brioche e granita al caffè! Ad essere sincera, una delle cose che più mi manca delle mie ultime vacanze…

2012.08.21_1562

Caffe al Ciclope 2
Via Marzamemi, 67
Marzamemi – Pachino (SR)
tel: 0931 841660
web: www.caffealciclope.com

Voglia d’estate: Spaghetti pomodorini e bottarga


Finalmente un po’ di sole… Le previsioni per i prossimi giorni preannunciano altre nuvole ed altra pioggia, ma voglio godermi l’aria tiepida, la leggera brezza e i caldi raggi solari almeno per oggi…
Esco in giardino ed assaporo finalmente questo squarcio di primavera che (meteorologicamente) si sta rivelando quantomai lenta ad arrivare quest’anno…
Basta poco e già sulla pelle sento il profumo della melanina… Non vedo l’ora arrivi l’estate!!!

IMG_4303[1]

Per celebrare questa meravigliosa giornata, oggi a pranzo mi sono concessa un primo piatto che porta con sé il gusto delle vacanze e dell’estate: spaghetti conditi con pomodorini e bottarga, che avevo acquistato in Sicilia durante le mie ultime vacanze estive! Eccovi la ricetta!

IMG_4307[1]

IMG_4308[1]

……………………………

Spaghetti con pomodorini e bottarga

Per 4 persone occorrono:
320 grammi di spaghetti
250 grammi di pomodorini ciliegini o datterini
uno spicchio d’aglio
olio extravergine d’oliva q.b.
peperoncino q.b.
4 cucchiaini abbondanti di bottarga grattugiata

In una padella non troppo piccola, mettete a soffriggere l’olio con uno spicchio d’aglio. Non appena questo sarà dorato, rimuovetelo dall’olio bollente, aggiungete una spolveratina di peperoncino (dosi a seconda del vostro gusto personale) e lasciate raffreddare. Lavate i pomodorini e tagliateli in quattro parti. Quando l’olio si sarà raffreddato, buttate i pomodorini nella padella, accendete il fuoco a fiamma lenta e fate saltare per qualche minuto.
Fate cuocere la pasta, lasciandola abbastanza al dente. Scolatela e versatela nella padella, aggiungendo quattro cucchiaini abbondanti di bottarga già grattugiata (anche in questo caso, aumentate o diminuite la dose a seconda dei vostri gusti). Fate saltare per un paio di minuti, fino a cottura completata e servite!

IMG_4295[1]

Scioglilingua in cucina: pasta al pesto di pistacchi!


Odio i souvenir. Sono spesso oggetti inutili, provenienti da posti magari meravigliosi, ma che non portano con sé i ricordi e le sensazioni che i luoghi visitati hanno suscitato nel viaggiatore.
Adoro invece i regali utili: tutto ciò che non riempie semplicemente prima uno spazio nella valigia e poi una porzione di credenza, sulla quale non è più necessario spolverare. Adoro ciò che fa rivivere le sensazioni del viaggio, i colori della natura, i profumi dei luoghi. Adoro portare a casa, per me ed i miei amici e famigliari, un pezzo della mia vacanza.
Non a caso, spesso i miei souvenir sono cibi o bevande tipiche.

Dalla mia vacanza in Sicilia, la scorsa estate, tra le altre cose, ho portato a casa del pesto artigianale di pistacchi di Bronte. Una vera delizia!

L’ho utilizzato nel modo più semplice possibile: per condirci le fettuccine.

A distanza di qualche mese, ho rivissuto i profumi e i ricordi di una terra meravigliosa!

20130307-001114

Seltz: nostalgia di un’estate Siciliana…


In queste fredde giornate invernali, la mente vaga e ritorna ai ricordi delle ultime vacanze estive, trascorse in Sicilia. Mentre, in una caldissima giornata di agosto, ci addentravamo tra le viuzze di Siracusa, ci siamo imbattuti in un chiosco artigianale, dove da generazioni viene prodotta una bevanda dalla formula segreta: il seltz!
Il figlio del proprietario, che ci ha serviti, ci ha spiegato che il seltz è una bevanda ottenuta dalla miscelazione di acqua leggermente gassata, con uno sciroppo ottenuto dal succo di agrumi, la cui formulazione è però tenuta segreta.
Che dire? Non ho mai bevuto nulla di più dissetante al mondo…

20130225-122710
20130225-215328