Calza last minute…


Questo articolo è stato scritto un anno fa, ma a suo tempo non potevo pubblicarlo, per non rovinare la sorpresa ad uno dei miei più fedeli lettori… L’ho quindi parcheggiato tra le bozze, ripromettendomi di pubblicarlo a tempo debito, ma ovviamente poi me ne sono dimenticata. Vogliate quindi perdonarmi per lo scarso preavviso con cui vi condivido questa idea per la calza della Befana, tuttavia vi posso assicurare che si tratta di un’idea velocissima e molto molto facile… Se ci sono riuscita io, ci possono riuscire tutti!

Che cosa vi serve per prepararlo?
feltro
una forbice
ago e filo (o macchina da cucire)
un nastro lungo 50 cm
carta velina

IMG_6344

Realizzate un disegno (semplice) su della carta velina ed utilizzatela come sagoma per andare poi a ritagliare il feltro seguendo il disegno. Ricordate che, per fare le cuciture, occorre ritagliare le sagome di qualche centimetro più larghe rispetto al disegno. Io ho optato per un paesaggio innevato.

IMG_6346

IMG_6347

IMG_6348

Con l’aiuto della macchina da cucire, ho unito i due pezzi del “fronte”: la montagna innevata e lo sfondo rosso.IMG_6354

Successivamente, ho applicato le decorazioni: gli abeti e i fiocchi di neve, con punti a mano, volutamente con un filo a contrasto rispetto alla stoffa.

IMG_6357

Ho quindi assemblato il fronte ed il retro, sempre con la macchina da cucire.IMG_6712

Per chiudere la calza, sempre con la macchina da cucire, ho ripiegato il bordo superiore su se stesso, dove poi andare ad infilare un nastro verde in raso.

IMG_6715

Ora la calza è pronta per essere riempita con tanti dolci o… del carbone!

IMG_6718

Buona Epifania a tutti!

Annunci

Primi esperimenti DYI… il biglietto per San Valentino!


Quando ero piccola, mi piaceva molto impegnare il mio tempo con lavoretti manuali: cucivo i vestiti per le mie bambole, disegnavo bigliettini, costruivo fiori ed animaletti con la plastilina…
Crescendo, la quantità delle creazioni è andata diminuendo, fin quasi a scomparire, da un lato per la mancanza di tempo, dall’altro per i risultati a volte non del tutto soddisfacenti!

Ultimamente, complice l’ingresso nel mondo creativo dei blog e le innumerevoli idee che si possono trovare su Pinterest, ho ricominciato a sbizzarrirmi con qualche piccolo lavoretto handmade.

Ciò di cui vi voglio parlare oggi è un bigliettino chiudipacco che ho creato a Natale (probabilmente già l’avete visto in questo altro post), ma che può tornare utile per i prossimi regali di San Valentino.

Che cosa vi serve per prepararlo?
un cartoncino color “carta da pacco”
due etichette salvabuchi di colore a contrasto
20 centimetri di spago per arrosti
una perforatrice
un ago
una pezza di pannolenci rosso
filo per cucire bianco

Ritagliate il bigliettino nel cartoncino. Un’ottima misura può essere 4×7 cm, ma basatevi sulle vostre esigenze, sulle dimensioni del pacco al quale volete associare il biglietto (non deve essere sproporzionato), sulla quantità di testo che poi andrete a scrivere sul retro del biglietto.
Nel caso in cui non riusciate a trovare del cartoncino di questo colore, potete anche ricoprire del cartoncino leggero bianco con della carta da pacchi.
Tagliate gli angoli di uno dei lati corti, come nell’immagine e, sempre dallo stesso lato, praticate un foro con la perforatrice. Su ambo i lati del buco, incollate un’etichetta salvabuchi. Servirà a rinforzare il buco e, nel caso in cui sia di colore a contrasto con il cartoncino, sarà anche coreografica.
Tagliate due cuoricini nel pannolenci e cuciteli tra di loro con dei punti semplici con un filo bianco o comunque un colore a contrasto. Incollate il cuore sul biglietto con della colla vinilica o della colla resistente. Se volete scrivere un messaggio sul retro del biglietto, sarà opportuno incollare il cuore in pannolenci solo in un secondo momento.
Come ultima operazione, legate il biglietto al pacco con lo spago per arrosti.

Ecco pronto il vostro romantico biglietto di San Valentino!